Benvenuti nel sito di Nadia...


Sabbia nel cuore 


Sono stata negli abissi come una sirenetta, in un regno popolato di coralli, anemoni e creature variopinte ed ho imparato a raccogliere conchiglie ed ostriche con perle di rara bellezza.
Ho udito voci confuse, che sembravano il sussurrare di delfini innamorati o canti di gabbiani posati a pelo d'acqua, che mi hanno richiamato ad emergere, seppure nell'ostile mare d'autunno di questa stagione già fredda. Fino a riuscire a scorgere la luce lontana di un faro antico, nella nebbia.
Giunta in superficie, cristalli di ghiaccio hanno abbandonato il mio cuore sciogliendosi, ed ho imparato a costruire castelli di sabbia… sull'acqua.
Con le manine ancora piccole, ma già capaci, ho dipinto il mio mondo, utilizzando tutti i colori dell'arcobaleno e la  polverina delle ali di farfalle.
Camminando sul  bagnasciuga, ho trovato stelle marine e piccoli granchietti imbrigliati nelle alghe, seguendo le orme di uno sconosciuto. Ma ho tessuto sogni di cristallo, troppo coraggiosi e fragili.
Così, ho abbandonato il mare scegliendo di raggiungere il deserto e là, ho imparato a far penetrare le mie radici nella sabbia, fino a farle intrecciare con sottili sentieri d'acqua sotterranei, da cui trarre nutrimento per sopravvivere all'aridità, nella solitudine delle notti ventose e senza luna, dove neppure le aquile osano volare.
Ed è lì, che piccoli germogli sono divenuti vita, dimostrando che l'amore, può far sbocciare un fiore nel deserto e che solo in profondità vi è l'essenza di esso.
Non importa se nel mare o nel deserto; non è sbagliato sognare di cercare e raccogliere conchiglie, o costruire castelli, o dipingere il mondo, o divenire fiore.
Sarebbe sbagliato non farlo affatto…

Nadia Monari

 ***** 

 
 
Prigione di cristallo
 
Impercettibili urla squarciano il silenzio della notte senza vento. Si staccano lentamente i petali di rosa senza nessun rumore, mentre la trasparenza di un cristallo di ghiaccio inganna i sensi. Incastonato in esso l’amore appare come un prisma colorato senza spigoli, evanescente e prigioniero del cristallo, non sa che soffocato in quel silenzio comunque non morirà mai.
Ho sferzato colpi sulla parete senza scalfire il ghiaccio che si stà sciogliendo, pensando che al di là di esso vi fosse la vita e qui la prigione.
Ora so che la prigione è là fuori e la vita, la libertà e l’amore sono qui dove il ghiaccio riesce a scaldare un cuore stanco, debole e devastato dal dolore.
Somiglia tanto alle lucine di natale questa altalena che non si fermerà mai più e ondeggerà insieme all’impeto dell’anima che è rimasta con le manine fisse su quelle catene arrugginite, all’alba di un mattino d’estate.
Il ghiaccio continuerà a trasformarsi in acqua e l’acqua sarà per sempre fonte di vita. Ma la vita, non avrà mai la libertà di esistere fuori dalla prigione, senza l’amore.
L’inerpicarsi dell’edera su una parete rocciosa ripida e difficile da sovrastare, contrasta con l’apparente semplicità delle radici del bambù nell’acqua che non smettono mai di nutrirsi di essa.
Chissà se tornerà mai questa mia voglia di abbracciarti…
Il sorriso di una bimba mai nata, appoggiata dietro a quel cristallo da cui non può staccarsi, risveglia la consapevolezza che un sottile strato può separare per sempre le anime.
Gli occhi di quella stessa bimba possono raggiungere il mondo intero e con la loro immensa semplicità, possono esprimere senza rimproverare, il loro triste pensiero lontano nei tempi di scuola, dove una mamma seduta al banco, tenta di alzare la mano per chiedere aiuto senza che nessuno se ne accorga.
E non bastano i canti di natale o l’attesa su una vecchia panchina o salvare una vita o fuggire lontano o aiutare un pettirosso infreddolito caduto dal nido. Tutto questo non basta per colmare quel vuoto e riempire quello spazio che mi separa dalla vita, quello spazio impercettibile ma crudele che mi confina dietro quel cristallo, in quella prigione da cui non uscirò mai più.
 
Nadia Monari
 
Benvenuti nel sito di Nadia... - Bluette

La mia Africa...

Chaaria Mission Hospital - Ad un passo dal cuore

 

 

Chaaria Mission Hospital - Polvere rossa

Frammenti di poesie e aforismi...

Ci sono solo due giorni all’anno in cui non puoi fare niente: uno si chiama ieri, l’altro si chiama domani. Perciò oggi è il giorno giusto per amare, credere, fare e, principalmente, vivere.

(Dalai Lama)

 

“La vita e i sogni sono fogli di uno stesso libro.
Leggerli in ordine è vivere, sfogliarli a caso è sognare” 

(Artur Schopenhauer)

 

Non aspettare di finire l'università, 
di innamorarti, di trovare lavoro, di sposarti, di avere figli, di vederli sistemati,
di perdere quei dieci chili,
che arrivi il venerdì sera o la domenica mattina,
la primavera, l’estate, l’autunno o l’inverno.
Non c’è momento migliore di questo per essere felice.
La felicità è un percorso, non una destinazione. 
Lavora come se non avessi bisogno di denaro,
ama come se non ti avessero mai ferito 
e balla, come se non ti vedesse nessuno.
Ricordati che la pelle avvizzisce,
i capelli diventano bianchi e i giorni diventano anni.
Ma l’importante non cambia: 
la tua forza e la tua convinzione non hanno età.
Il tuo spirito è il piumino che tira via qualsiasi ragnatela.
Dietro ogni traguardo c’è una nuova partenza. 
Dietro ogni risultato c’è un’altra sfida.
Finché sei vivo, sentiti vivo.
Vai avanti, anche quando tutti si aspettano che lasci perdere.

 

Ho scoperto un paradosso,
che se ami
finché ti fa male,
poi non esiste più dolore,
ma solo più amore.

 (Madre Teresa di Calcutta)

 

«Dicono che durante la nostra vita abbiamo due grandi amori. Uno con il quale ti sposerai o vivrai per sempre, può essere il padre o la madre dei tuoi figli: con questa persona otterrai la massima comprensione per stare il resto della tua vita insieme.
 E dicono che c’è un secondo grande amore, una persona che perderai per sempre. Qualcuno con cui sei nato collegato, così collegato, che le forze della chimica scappano dalla ragione e ti impediranno sempre di raggiungere un finale felice. Fino a che un giorno smetterai di provarci, ti arrenderai e cercherai un’altra persona che finirai per incontrare. Però ti assicuro che non passerà una sola notte senza aver bisogno di un altro suo bacio, o anche di discutere una volta in più. Tutti sanno di chi sto parlando, perché mentre stai leggendo queste righe, il suo nome ti è venuto in mente. Ti libererai di lui o di lei e smetterai di soffrire, finirai per incontrare la pace, però ti assicuro che non passerà un giorno in cui non desidererai che sia qui per disturbarti. Perché a volte si libera più energia discutendo con chi ami, che facendo l’amore con qualcuno che apprezzi»
(Paulo Coelho, El Zahir)
 
 

Tra vent’anni sarai più dispiaciuto per le cose che non hai fatto che per quelle che hai fatto. Quindi sciogli gli ormeggi, naviga lontano dal porto sicuro. Cattura i venti dell’opportunità nelle tue vele. Esplora. Sogna. Scopri.
(Mark Twain)

 

Se non ti fermano mentre ti allontani allora continua a camminare. Guarda avanti, senza voltarti.
(Paulo Coelho)

 

Se segui qualcosa che ti scombussola ti conviene andare sino in fondo. Se fai finta di niente, non saprai mai che cosa ti sarebbe potuto succedere, e per molti versi questo è peggio che scoprire di esserti sbagliato sin dall’inizio. Perché dopo uno sbaglio puoi continuare a vivere, ma se non altro non hai il rimpianto di non sapere come sarebbe potuto andare.
(Nicholas Sparks)

 

Arriva sempre il momento in cui devi scegliere, tra correre il rischio di pentirtene o convivere con il rimpianto di non averci provato.
(Anonimo)

 

La verità fa male una sola volta e la bugia fa male sempre. 

 

Lentamente muore 

"Lentamente muore chi diventa schiavo dell’abitudine, ripetendo ogni giorno gli stessi percorsi, chi non cambia la marca o colore dei vestiti,

 chi non rischia, chi non parla a chi non conosce.

 Lentamente muore chi evita una passione, chi vuole solo nero su bianco e i puntini sulle i piuttosto che un insieme di emozioni; emozioni che fanno brillare gli occhi, quelle che fanno di uno sbaglio un sorriso, quelle che fanno battere il cuore davanti agli errori ed ai sentimenti!

 Lentamente muore chi non capovolge il tavolo, chi è infelice sul lavoro, chi non rischia la certezza per l’incertezza, chi rinuncia ad inseguire un sogno, chi non si permette almeno una volta di fuggire ai consigli sensati.

Lentamente muore chi non viaggia, chi non legge, chi non ascolta musica, chi non trova grazia e pace in sè stesso.

 Lentamente muore chi distrugge l’amor proprio, chi non si lascia aiutare, chi passa i giorni a lamentarsi della propria sfortuna.

 Lentamente muore chi abbandona un progetto prima di iniziarlo, chi non fa domande sugli argomenti che non conosce, chi non risponde quando gli si chiede qualcosa che conosce.

 Evitiamo la morte a piccole dosi, ricordando sempre che essere vivo richiede uno sforzo di gran lunga maggiore del semplice fatto di respirare!

 Soltanto l’ardente pazienza porterà al raggiungimento di una splendida felicità."

 (Pablo Neruda e Martha Medeiros)

 

 

“Un guerriero della Luce non perde mai di vista le cose durature ed i solidi legami creati attraverso il Tempo. Un Guerriero sa distinguere ciò che é transitorio da ciò che é definitivo”

“Un Guerriero della Luce sa che l'importante non é la singola battaglia, ma la conclusione della guerra. E in una guerra, la capacità di sorprendere l'avversario é la chiave della vittoria.”

“Un Guerriero approfitta di qualsiasi opportunità per imparare”

“Più di una volta un Guerriero della Luce ha perduto il proprio tempo, battendosi contro una menzogna. Ed ha sofferto per uomini che non erano all'altezza del suo amore. I vincenti non ripetono lo stesso errore. Perciò il guerriero rischia il proprio cuore solo per qualcosa di cui valga la pena”

“Un Guerriero torna sempre a lottare.Non lo fa mai  per caparbieta', ma perché nota i cambiamenti nel tempo.”

“Un Guerriero della Luce sa che alcuni momenti si ripetono. Spesso si trova davanti a problemi e situazioni che ha già affrontato.Allora si sente depresso, e pensa di essere incapace di progredire nella vita, giacché i momenti difficili si sono ripresentati. "Questo l' ho già passato" si lamenta col proprio cuore. " E' vero, lo hai vissuto," risponde il cuore. " Ma non l'hai mai superato". Il Guerriero allora comprende che il ripetersi delle esperienze ha un' unica finalità: insegnargli cio' che non vuole apprendere. ”

“Nel momento in cui comincia ad avviarsi, un Guerriero della Luce riconosce il Cammino, e si lascia condurre dalla propria Leggenda Personale verso le incombenze che la vita gli riserva. Ha scelto la strada che sta percorrendo, e non ha nulla da recriminare.”

“Cio' che é importante, persisterà. Ciò che é inutile, scomparirà. Per credere nel proprio cammino, il Guerriero non ha bisogno di dimostrare che quello dell'altro é sbagliato.”

“Un Guerriero della Luce conosce i propri difetti. Ma conosce anche i propri pregi. Allora cerca di sapere su cosa può contare. E controlla sempre il suo equipaggiamento, composto da tre cose: fede, speranza e amore. Se queste tre cose sono presenti, egli non ha alcuna esitazione nell'andare avanti.”

“Un Guerriero della Luce non rimanda le sue decisioni. Egli riflette a lungo prima di agire. Tuttavia, nel momento in cui prende una decisione, il guerriero agisce. Se la decisione é giusta, vincerà il combattimento, anche se dovesse durare più del previsto. Se é sbagliata, sarà sconfitto e dovrà ricominciare tutto da capo, con più saggezza. Ma un Guerriero della Luce, quando comincia,va fino alla fine.”

“Un Guerriero sa che la stella più lontana dell' Universo si manifesta nelle cose che stanno intorno a lui.”

“Un Guerriero della Luce ha bisogno di amore. Usa la solitudine, ma non ne viene usato.”

“A volte il Guerriero della Luce si comporta come l'acqua, e fluisce fra gli ostacoli che incontra. In certi momenti, resistere significa venire distrutto. Allora egli si adatta alle circostanze. Accetta, senza lagnarsi, che le pietre del cammino traccino la sua rotta attraverso le montagne. L'acqua di un fiume si adatta al cammino possibile, senza dimenticare il proprio obiettivo: il mare. Fragile alla sorgente, a poco a poco acquista la forza dagli altri fiumi che incontra. E, a partire da un certo momento, il suo controllo é totale.”

“Quando le circostanze lo mettono su di un terreno inclinato, dove le cose attorno a lui non mostrano né equilibrio né rispetto, rivela la sua forza, rotolando verso il nemico che insidia la pace. In quei momenti, il Guerriero é devastante, e nessuno riesce a trattenerlo.”

"Molte volte un Guerriero della Luce é preda dello sconforto. Pensa che niente riuscirà a risvegliare l'emozione che desiderava. Ma é caparbio, e non abbandona ciò che ha deciso di fare. Poi, quando meno se lo aspetta, una nuova porta si apre".

“Un Guerriero della Luce mantiene sempre il proprio cuore sgombro dal sentimento dell'odio. Ma sa che l' atto del perdono non lo obbliga ad accettare tutto. Un Guerriero non può abbassare la testa, altrimenti perde di vista l'orizzonte dei suoi sogni.”

“Il Guerriero della Luce conosce l'importanza dell'intuizione. E sa che essa é l'alfabeto di Dio, e continua ad ascoltare il vento e a parlare con le stelle.”

“ ”Si,"   sente dire da qualcuno il Guerriero della Luce. " Ho bisogno di capire tutto prima di prendere una decisione, voglio avere la libertà di cambiare idea.” Il Guerriero della Luce ascolta con diffidenza questa frase. Può avere anche egli la stessa libertà, ma questo non gli impedisce di assumere un impegno, sebbene molte volte non comprenda esattamente perché lo abbia fatto.  La sua anima é libera come le nuvole  in cielo, ma egli é davvero coinvolto nel suo sogno."

“Per il Guerriero della Luce non esiste amore impossibile. Egli non si lascia intimidire dal silenzio, dall'indifferenza, dal rifiuto. Sa che, dietro la maschera di ghiaccio che usano gli uomini, c'é un cuore di fuoco. Perciò il Guerriero rischia più degli altri.     Ricerca incessantemente l'amore di qualcuno, ancorché esso significhi spesso udire la parola  no, tornare a casa sconfitto, sentirsi rifiutato nel corpo e nell'anima. Il Guerriero non si lascia spaventare quando insegue ciò di cui ha bisogno. Senza amore, egli non é nulla.”

“Il Guerriero della Luce crede.  Poiché crede nei miracoli, i miracoli cominciano ad accadere.”

“Un Guerriero della Luce é affidabile. Commette errori, a volte si giudica più importante di quanto realmente sia. Ma non mente.Proprio perché pensa di essere ciò che dice, il Guerriero finisce per trasformarsi in ciò che dice di essere.”

“ I Guerrieri della Luce non accettano mai ciò che é inaccettabile.”

“Molte volte la sconfitta bussa alla porta del Guerriero.  In quei momenti, egli rimane in silenzio. Non spreca energia con le parole, perché le parole non possono fare niente. E' meglio usare le forze per resistere e pazientare, sapendo che Qualcuno sta guardando. Qualcuno  che ha visto l'ingiusta sofferenza, e non vi si rassegna. Questo Qualcuno dà al Guerriero ciò di cui ha bisogno: il tempo. Prima o poi, tutto tornerà a lavorare in suo favore.”

“Un Guerriero della Luce é sempre vigile. Si guarda accanto e individua gli amici. Scruta dentro di sé e identifica gli avversari. E' implacabile con il tradimento, ma non si vendica. Si limita ad allontanare i nemici dalla propria vita, senza lottare contro di loro oltre il tempo necessario.Un Guerriero non tenta di sembrare. Egli é.”

"La spada del Guerriero della Luce é nelle sue mani. Il Guerriero possiede il colpo ed il perdono. Sa usarli entrambi con la stessa abilità".

“Un Guerriero della Luce non cade nella trappola della parola libertà. Un Guerriero della Luce é sempre impegnato. E' schiavo del proprio sogno e libero nei propri passi.”

“Il dolore di ieri é la forza del Guerriero della Luce”

“ I Guerrieri della Luce sovente si domandano che cosa stiano facendo qui. Molte volte pensano che la loro vita non abbia alcun significato. Perciò sono Guerrieri della Luce. Perché sbagliano. Perché si interrogano. Perché continuano a ricercare un significato. E finiranno per trovarlo.”

"Proprio come il lottatore, il Guerriero della Luce conosce la propria forza immensa: non lotta mai con chi merita l'onore del combattimento".

“ A volte il Guerriero della Luce ha l'impressione di vivere due vite nello stesso tempo. In una é obbligato a fare tutto ciò che non vuole, a lottare per delle idee nelle quali non crede. Ma c'é anche un'altra vita, ed egli la scopre nei sogni, nelle letture, negli incontri con uomini che la pensano come lui.  Il Guerriero consente sempre alle due vite di avvicinarsi. A poco a poco, i suoi sogni cominciano ad impadronirsi della vita di tutti i giorni, finché egli avverte di essere pronto per quello che ha sempre desiderato.Allora basta un pizzico di audacia, e le due vite si trasformano in una.”

“ Un Guerriero confida negli altri perché, prima di tutto, confida in se stesso.”

“ Quando si vuole una cosa, l' Universo intero trama a favore. Il Guerriero della Luce lo sa. Per questa ragione, presta grande attenzione ai propri pensieri. Ha il coraggio di guardare le ombre della propria anima, e si domanda se non stia desiderando qualcosa di sbagliato.”

“ Quando un Guerriero si assume un impegno, mantiene la parola. Coloro che promettono e poi non mantengono perdono il rispetto di se stessi, e la loro vita consiste nella fuga. Essi sprecano molte più energie tradendo la parola data di quanta ne usi il Guerriero della Luce per mantenere le sue promesse.”

“ Un Guerriero della Luce condivide con gli altri tutto ciò che conosce del cammino. Chi aiuta, viene sempre aiutato, e ha bisogno di insegnare ciò che ha appreso. Il Guerriero sa che, se giungerà alla fine del viaggio in un Paradiso vuoto, la sua lotta non avrà avuto alcun valore.”

“ Un Guerriero della Luce sa che un grande sogno é costituito da tante cose diverse, così come la luce del sole é l'insieme di milioni di raggi.”

“ Un Guerriero della Luce non ha certezze, ma un cammino da seguire. Essendo tollerante, non giudica mai il mondo in base al concetto di giusto o sbagliato, bensi' sulla base dell'atteggiamento più adatto a quel determinato momento. A ciascuno dà il tempo necessario per giustificare le proprie azioni.Ma é implacabile in caso di tradimento.”

“ Un Guerriero della Luce non si pente, perché il pentimento uccide.  Egli si umilia, e rimedia al male che può avere causato.”

“ Esiste un residuo emotivo: esso viene prodotto dalle officine del pensiero. E' formato dai dolori ormai passati, che adesso non sono più di alcuna utilità.  Il Guerriero ha i suoi ricordi, ma riesce a separare quello che é utile da ciò che non é necessario: egli si libera del proprio residuo emotivo. Non cerca di provare cose che ormai non  sente più.  Sta cambiando, e vuole che i suoi sentimenti lo accompagnino.”

“ L'avversario é sapiente e scaltro. Appena può, afferra l'arma più facile ed efficace: l'intrigo. Sovente il Guerriero della Luce rimane vittima di questa trappola. Allora egli sopporta le conseguenze, soffre in silenzio e non usa mai quell'arma per attaccare l' avversario.Un Guerriero della Luce non é mai vigliacco.”

“ Un Guerriero non cerca di essere coerente: apprende, piuttosto, a vivere con le sue contraddizioni.”

(Paulo Coelho)

 

 

 

Chaaria Mission Hospital

Chaaria Mission Hospital - Bluette

Kenya - Africa

Chaaria Mission Hospital

Chaaria Mission Hospital - Bluette

Album Foto

Il mio Blog

Il mio Blog - Bluette

Nadia

Nadia

Nadia - Bluette

Album Foto

Video

Video - Bluette

Youtube